Black Friday 2021
Black Friday 2021
Black Friday 2021
*Spese gratuite per ordini superiori a 300,00 €

Pareti attrezzate

Come scegliere le pareti attrezzate perfette per la propria casa

 

Siete alla ricerca di arredi comodi, pratici e stilosi per conservare tutti i vostri oggetti più preziosi? Le pareti attrezzate saranno le vere protagoniste dei vostri ambienti grazie all’esclusivo design e alla particolare funzione di arredare ma allo stesso tempo custodire e mettere in bella vista accessori e complementi irrinunciabili.

 

Avete mai sentito parlare delle pareti attrezzate? C’è stato un periodo in cui erano quasi sparite dalle nostre case per poi tornare a imporsi grazie alla diffusione di stili d’arredo essenziali e pratici che ci hanno permesso di arredare i nostri appartamenti in modo semplice e al passo coi tempi. 

Cosa sono le pareti attrezzate

Se dovessimo dare una definizione precisa, come potremmo definire in pratica il termine “parete attrezzata”? Il nome ci fa venire in mente qualcosa che si estende sulla superficie d’appoggio e che necessita di molto spazio, e infatti le pareti attrezzate hanno grandi dimensioni. Sono composte da diversi elementi come ripiani e mensole e possono essere assemblate insieme, quindi strutturate in un unico blocco, o essere modulari e formate da più blocchi.

A cosa servono le pareti attrezzate?

Le pareti attrezzate sono degli accessori d’arredo davvero utili e sono diventate sempre più indispensabili in quelle case pratiche e moderne. Chi non vuole rinunciare alla comodità di avere tutti i propri oggetti e complementi d’arredo in un unico posto, sempre in ordine e soprattutto a portata di mano, allora dovrà assolutamente familiarizzare con quest’incredibile arredo. 

Per capire bene come funzionano, possiamo immaginarle come dei grandi scaffali solo che le pareti attrezzate hanno forme lineari, una struttura delineata e si estendono su tutta la parete. Anche se le grandi dimensioni potrebbero trarre in inganno, non sono per nulla ingombranti, ma allo stesso tempo impreziosiscono gli interni con il proprio design e la particolarità della funzione. In base all’ambiente in cui le collocheremo, possiamo scegliere che tipo di oggetti inserirvi. Non c’è una regola precisa, possiamo occupare mensole e ripiani sia con libri, ma anche con servizi di piatti, documenti importanti, e qualsiasi oggetto e suppellettile d’arredo che più ci piace.  

Pareti attrezzati: come sono composte

Le pareti attrezzate sono formate da diversi elementi. Per capirne bene la struttura prendiamo in esame diverse metriche. 

Le dimensioni delle pareti attrezzate

Partiamo dalle dimensioni per avere un’idea più chiara. L’altezza è quella della parete di riferimento, lo spazio in cui andremo a collocare il nostro accessorio. Ovviamente non necessariamente deve arrivare a toccare il soffitto perché l’effetto finale potrebbe risultare troppo imponente. La larghezza è invece variabile, vi consigliamo un margine che parte da 180 cm fino ad arrivare a 250 cm. Ci sono però soluzioni che possono essere ancora più ampie e raggiungere oltre i 250cm, andando a riempire, volendo, quasi tutta la parete. 

Potrebbe essere invasiva come soluzione? Per nulla, perché la parete attrezzata resta leggera grazie alla tipologia di struttura. 

Gli elementi che compongono le pareti attrezzate

Le pareti attrezzate sono formate da diverse parti. La disposizione e la struttura dipendono molto dalla tipologia del mobile scelto, un elemento che esamineremo più avanti. 

Di solito però non possono mancano mai pannelli che servono a reggere e a determinare la disposizione dei vari blocchi. I ripiani e le mensole, accessori salva spazio ma anche utili non solo per proteggere i propri oggetti ma anche per esporli nel caso avessimo supplementi di design che non sappiamo dove collocare.  Molte pareti attrezzate dispongono anche di cassettiere e pensili con ante. Possono essere di diverso materiale e sono molto indicati per salvaguardarne il contenuto sia da “occhi indiscreti” che dalla semplice polvere che si accumula sui mobili. 

Come scegliere le pareti attrezzate giuste per la nostra casa

Ora che conosciamo meglio che cos’è una parete attrezzata, come facciamo a scegliere quella che fa per noi? Ogni parete attrezzata si distingue per diversi fattori di cui dobbiamo tener conto per la nostra scelta. Stiamo parlando di:

  • materiai
  • stile
  • tipologia

Esaminiamoli insieme.

I materiali più gettonati per le pareti attrezzate

I materiali scelti per dar forma alle pareti attrezzate ne determinano l’estetica e definiscono lo stile d’arredo. Una parete attrezzata in legno, per esempio, è molto versatile e si sposa benissimo con tutti gli stili moderni. Vediamo quali sono i materiali più utilizzati.

Pareti attrezzate in legno

Il legno è un materiale ampiamente utilizzato in arredamento. La maggior parte delle pareti attrezzate presentano rivestimenti in legno sia per quanto riguarda l’intera struttura che i ripiani. Il colore e le sfumature scelte dipenderanno molto dallo stile che si vuole dare al mobile. Chi preferisce uno stile d’arredo semplice ed essenziale opterà per delle pareti attrezzate dalle tonalità neutre, per esempio. Una soluzione molto fruibile che accontenta proprio tutti. Il tipo di legno più richiesto è il legno massello perché robusto, resistente e molto elegante. Alla struttura principale in legno, verranno abbinati accessori e componenti di diversi materiali.

Pareti attrezzate in cartongesso

Le pareti attrezzate in cartongesso sono delle soluzioni di tendenza, molto originali che ci permettono di personalizzare gli interni e rendere gli ambienti unici. Sono da tenere in considerazione se vogliamo realizzare un prodotto esclusivo e se non ci accontentiamo delle solite proposte. Saremo noi infatti, insieme a un professionista del cartongesso, a decidere come strutturare la parete attrezzata, scegliendo tipologia di pensili, mensole e accessori vari.

Pareti attrezzate in metallo

Il metallo viene largamente impiegato soprattutto per creare una struttura solida ed elegante per le pareti attrezzate. L’acciaio è molto gettonato nelle composizioni moderne e sta molto bene con gli stili d’arredo materici come l’industrial. Le finiture, in questo caso, sono molteplici, possiamo optare per metallo cromato, o satinato, ma è possibile anche verniciarlo con colori brillanti e in armonia con il resto degli arredi. Un altro metallo utilizzato è anche l’alluminio di consistenza più leggera ma comunque validissimo e resistente.

Pareti attrezzate in vetro temperato

Il vetro temperato è un materiale che dona agli interni esclusività ma soprattutto eleganza. Lo consigliamo a chi vuole arredare ambienti piccoli ed è sempre alla ricerca di soluzioni che permettano di rendere gli interni otticamente più grandi. Viene impiegato specialmente nella realizzazione di ante e mensole. Le rifiniture sono tantissime, da quelle più classiche satinate a quelle più moderne opache. Se l’ambiente non è molto spazioso, meglio optare per ante effetto specchio e mensole lucide. 

Perché scegliere proprio il vetro temperato? È più sicuro, resiste a urti e graffi e ha una resistenza all'urto 4 volte maggiore del vetro ricotto, ma se proprio dovesse rompersi, il vetro temprato si disintegra in piccoli pezzi evitando di ferire chi si trova nei paraggi.

Pareti attrezzate in resina 

La finitura in resina viene impiegata per modellare e decorare le finiture dei pannelli delle pareti attrezzate.  Il loro utilizzo è prettamente estetico perché regala ai diversi elementi un aspetto tattile e visivo unico per ogni modello. 

Come potete vedere ogni elemento è caratterizzato dall’impiego di diversi materiali che conferiscono alle pareti attrezzate una particolare estetica che risponde a canoni non solo visivi, ma anche tattili. Un tipo di materiale abbinato a un altro determina lo stile d’arredo della nostra parete attrezzata che andrà ad armonizzarsi con il resto degli arredi.

E a proposito di stile, quali sono gli stili più iconici delle pareti attrezzate?

Stili d’arredo e pareti attrezzate: quali sono i più belli

Le pareti attrezzate vengono scelte per arredare appartamenti moderni, raramente troviamo modelli più classici, ma ciò non significa che non possono essere realizzati con forme dall’allure retrò. 

Le più gettonate sono sicuramente quelle in stile moderno, ma vediamo come si presentano.

Pareti attrezzate in stile moderno 

Le pareti attrezzate in stile moderno sono le più pratiche e versatile sia per l’estetica che per la funzione. Composte da diversi elementi, hanno la struttura portante in legno, e le mensole sono anch’esse in questo materiale. Le ante delle cassettiere, possono essere realizzate in vetro o dello stesso materiale del resto della parete attrezzata. Alcuni modelli sono forniti di cassettiere e pensili. Le ante che le racchiudono possono essere rivestite anche in resina, un materiale che dona originalità ed eleganza all’intera composizione. I mobili sospesi o autoportanti sono molto gettonati nelle composizioni più moderne.

Per quanto riguarda i colori e le finiture, invece, sceglieremo per lo più tinte neutre e colori chiari e brillanti. Colori molto in voga sono il tortora e tutte le palette di beige e grigi.

Le pareti attrezzate moderne si armonizzano con gli arredi e non ingombrano gli spazi, ecco perché sono preferite in spazi abitativi arredati con stili semplici.

Pareti attrezzate in stile minimal

Lo stile minimalista è diventato sempre più popolare. Gli amanti del less is more sanno quanto sia importante ottimizzare gli spazi, ecco perché punteranno su pareti attrezzate dal design sobrio e dalle strutture leggere. I materiali più adatti per questo tipo di parete attrezzate è certamente il legno ma preferibilmente laccato bianco. Le forme invece sono molto lineari e semplici, spesso squadrate, decori e fantasie sono inesistenti. Le ante dei cassettoni possono essere realizzate in vetro temperato per dare luminosità all’ambiente.

Pareti attrezzate d’ispirazione nordica

Lo stile scandinavo prevede l’utilizzo di mobili e accessori dal design semplice e nelle nuance chiare e luminose. Se vogliamo abbracciare questa filosofia, troveremo pareti attrezzate che fanno al caso nostro. Possiamo scegliere per soluzioni modulari, in legno, e nelle tonalità del bianco o al massimo del beige. Saranno modelli compatti che conviveranno in armonia col resto degli arredi. Le consigliamo soprattutto in un soggiorno luminoso in cui i mobili e i complementi d’arredo sono ben distribuiti. La comodità è l’aspetto cardine di questo stile.

Pareti attrezzate in stile industrial

Tra gli stili moderni non possiamo di certo dimenticare quello industrial. Le pareti attrezzate in stile industrial sono realizzate con diversi materiali. La struttura è in metallo, solitamente in acciaio, le mensole e i ripiani vari possono essere anche il legno. Se la parete attrezzata presenta dei cassettoni o dei pensili, le ante saranno o nello stesso materiale della struttura portante o in vetro per un’estetica più esclusiva e d’impatto. 

Ogni parete attrezzate può essere personalizzate in base alle proprie esigenze d’arredo e i propri gusti. Si parte da un modello base per decorarlo e rifinirlo con materiali e colori proposti. 

Se invece volete provare pareti attrezzate più ricercate, potete optare per modelli più classici. Vediamo quali.

Pareti attrezzate in stile classico

Le pareti attrezzate in stile classico sono accessoriate, ricche di dettagli e intarsi e non hanno davvero nulla da invidiare ai modelli più moderni, solo che dobbiamo scegliere bene il contesto in cui inserirle. In un living moderno o in un open space è fuori questione, ma sono invece indicate in una cucina rustica per via delle sfumature avvolgenti dei legni che le compongono. 

Pareti attrezzate in stile shabby chic

Parlando di cucina, le pareti attrezzate in stile shabby chic sono ideali in ambienti piccoli e pratici, come potrebbe essere una cucina caratterizzata da arredi demodè ma dal fascino intramontabile. Una poltrona in tessuto posizionata accanto a una parete attrezzata più classica ci aiuterà a creare un angolo relax confortevole e accogliente. 

Ma adesso passiamo all’ultimo fattore da considerare nella scelta delle ideali pareti attrezzate: la tipologia. Quanti tipi ne esistono, e come si differenziano l’una dalle altre?

Tipologie di pareti attrezzate

Esistono diverse tipologie di pareti attrezzati. Possono essere composte da diversi pezzi modulari oppure realizzate in un unico blocco. Le modulari sono sicuramente più fluide e versatili e indicate in tutti quegli ambienti moderni. 

Pareti attrezzate modulari

Le pareti attrezzate modulari sono personalizzabili e facili da gestire. Nel nostro catalogo troverete la Parete attrezzata 200 di Napol composta da diverse tipologie di mobili che arredano gli ambienti in modo elegante e funzionale. Molto indicata in un soggiorno contemporaneo per via del mix di materiali e colori disponibili. 

Il mobile è realizzato con legni di recupero, quindi una scelta bio per quest’accessorio, ed è formato da capienti contenitori sospesi. Il pensile orizzontale basso può essere utilizzato come base per il televisore, ma anche per collocarvi un giradischi per chi, alla TV preferisce la musica. La finitura della struttura del mobile è disponibile in una vasta gamma di colori laccati opachi a scelta. 

Come facilmente suggerisce il nome, le pareti attrezzate modulari sono formate da moduli di diversi stili, forme e grandezze, permettono una distribuzione bilanciata di oggetti e accessori in modo ben organizzato. Possono quindi essere formate da cassettiere e pensili con o senza ante, scorrevoli o semplici o da funzionali scaffali alti e spaziosi a parete.

Pareti attrezzate su misura

Quando parliamo di pareti attrezzate su misura ci riferiamo a quei modelli, modulari e in pezzo singolo, realizzati secondo le nostre esigenze. Saremo noi a stabilire come devono essere strutturate in modo da poter combaciare perfettamente nei nostri ambienti adattandosi a essi. 

Sceglieremo non solo le forme, il tipo di struttura e composizione, ma anche le finiture, ossia se preferiamo il legno per le mensole o l’acciaio per la struttura, se vogliamo ante scorrevoli o a battente, realizzate in vetro temprato oppure in resina. 

Molte pareti attrezzate fungono soprattutto da libreria ed è proprio in questi casi che si consiglia un modello realizzato su misura, per scegliere insieme a un artigiano specializzato il numero di scaffali, mensole e la loro disposizione. 

Pareti attrezzate lineari

Le pareti attrezzate lineari sono molto compatte, dritte e hanno un design semplice e privo di decori. Sono molto indicate in un ambiente minimalista per via delle linee pulite e dei moduli ben organizzati sia per quanto riguarda la struttura che la composizione. 

Pareti attrezzate angolari

Le pareti attrezzate possono essere anche angolari per adattarsi a qualsiasi ambiente, anche a un appartamento mansardato con soffitto basso e che potrebbe presentare diverse rientranze. 

Pareti attrezzate divisorie

Oltre ad arredare e a essere pratiche e funzionali, le pareti attrezzate sono ottime anche come elementi divisori in un open space. Questa tipologia però deve essere “double face”, arredi bifacciali, quindi accessibili da entrambi i lati e composta da un sistema di schienali, contenitori e mensole ben organizzato.  

Questi modelli di pareti attrezzate sono perfetti anche in un loft. 

Pareti attrezzate sospese

Per pareti attrezzate sospese intendiamo quei modelli che non toccano terra ma sono fissate al muro. Sono tutte raggruppate in un unico grande blocco e vengono scelte quando si ha a disposizione un’intera parete e non si sa come arredarla. Una parete attrezzata sospesa potrebbe essere un ottimo diverso decorativo dando vita a una composizione elegante e raffinata.

Pareti attrezzate autoportanti

Le pareti attrezzate autoportanti non necessitano di alcun tipo di ancoraggio ma possono essere trasportate in diverse zone dell’ambiente in cui si trovano o, all’occorrenza, possiamo spostarle in un’altra stanza. 

Ambienti adatti per le pareti attrezzate: idee e consigli

Abbiamo analizzato tutte le tipologie di pareti attrezzate e, ora che sappiamo distinguere i diversi modelli, dobbiamo solo scegliere gli ambienti e il posto adatto per inserirle.

Pareti attrezzate in soggiorno

Il soggiorno è l’ambiente più adatto per le pareti attrezzate, specialmente se optiamo per quei modelli moderni e modulari. Andremo a collocarle su una parete libera e riempiremo gli scaffali con libri, oggetti d’arredo, ma anche cornici e perché no, un vaso pieno di fiori per dare un tocco green all’ambiente. All’interno dei cassetti, invece, inseriremo documenti e oggetti più preziosi che solitamente non sappiamo dove conservare. Ai piedi della parete attrezzata, possiamo stendere un soffice tappeto per completare il nostro angolo di relax. 

Pareti attrezzate all’entrata di casa

Possiamo davvero inserire una parete attrezzata all’ingresso di casa? Certo, basterà optare per un modello compatto e lineare. E se abbiamo dubbi su come arredare l’entrata di casa, una parete attrezzata ben organizzata risolverà il problema in un attimo! I colori saranno neutri e il design semplice. Accanto possiamo collocarvi uno specchio da parete proprio di fronte alla porta. 

Pareti attrezzate in uno studio

In uno studio opteremo per un modello ben strutturato, dalle linee eleganti e i colori intensi. Le soluzioni che vedono un mix di diversi materiali sono le più esclusive e che daranno un tocco formale a qualsiasi studio. Su una delle mensole, inoltre, andremo a posizionarvi una lampada da tavolo dal design eccentrico. 

Pareti attrezzate in corridoio

Possiamo collocare una parete attrezzata non molto grande, magari sospesa, nel corridoio. In questo caso sceglieremo un modello dallo stile minimalista e dalle linee essenziali per non ingombrare troppo questa zona di passaggio. L’idea in più è quella di fissarvi dei faretti che la illumineranno dall’alto impreziosendo anche tutta la zona. 

Pareti attrezzate in mansarda

In una mansarda possiamo organizzare un angolo lettura e cosa c’è di meglio di una parete attrezzata da usare come libreria? Sceglieremo un modello su misura o uno componibile pieno di mensole che si dirama verso l’alto. 

Pareti attrezzate in taverna

La taverna è un altro ambiente della casa in cui inserire una o più pareti attrezzate. Se abbiamo deciso di adibire questo spazio per trascorrere serate e momenti di relax insieme ai nostri amici, possiamo scegliere una parete attrezzata di due tipi. La prima sarà semplice e lineare in cui andremo a sistemare dei giochi da tavolo, libri e dischi, mentre il secondo modello lo preferiremo compatto e autoportante su cui possiamo poggiare il televisore e spostarlo secondo le necessità del momento. 

Pareti attrezzate in cucina

In cucina possiamo scegliere una parete attrezzata in stile classico o shabby chic da utilizzare per riporvi quegli oggetti che usiamo quotidianamente. Possiamo inserirvi tovaglie e tovagliette nei pensili o nelle cassettiere, e i servizi di piatti negli scaffali protetti da ante in legno.

Pareti attrezzate in un open space

Se abbiamo un open space, ossia uno spazio in cui comunicano 2 ambienti diversi, solitamente cucina e soggiorno, possiamo optare per una parete attrezzata per segnare una sorta di divisorio. Una parete attrezzata bifacciale è perfetta perché con il suo particolare design diventa elemento di divisione ma anche punto in comune di 2 spazi differenti.

Pareti attrezzate in un loft

In un loft arredato in stile industrial andremo a collocare una pratica parete attrezzata con struttura in acciaio. Leggera e dai rivestimenti esclusivi è perfetta per ospitare diversi oggetti e suppellettili. Possiamo abbinarvi un divano letto in pelle o similpelle.


 

Email Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter
Riceverai uno Sconto del 5% su tutti i prodotti

Trasporto Gratuito

esclusi divani e letti
Per ordini superiori i 300€*

Contattaci

09:00-12:30 / 14:30-18:30
da lunedì a venerdì

(+39) 0541.740211
WhatsApp +39 3804793455

Feedback

cosa dicono di noi
I prezzi sono compresi di IVA
Si accettano pagamenti tramite carte di credito (circuiti Visa e Mastercard), bonifico bancario e Paypal.